Bladder Control advice

Break taboos. Take control, Get treatment

Tipologie e sintomi

L'incontinenza urinaria si manifesta allorché si verifica una perdita di urina di entità variabile, che può essere causata da danni muscolari o nervosi, infezioni o malattie. Tuttavia, i problemi di controllo vescicale non si limitano alle perdite.

 

Tipi di problemi di controllo vescicale

L'incontinenza da sforzo  è la forma più comune di perdita. Di solito colpisce le donne subito dopo il parto o in menopausa. Tuttavia, può colpire anche gli uomini. È caratterizzata da lievi perdite quando si starnutisce, si ride, si tossisce, durante l’esercizio fisico o l’attività sessuale.

Qualsiasi cosa che esercita pressione sull'addome può aumentare la pressione anche sui muscoli del pavimento pelvico che devono essere tesi per garantire la chiusura dell'apparato uro-genitale. Se questi muscoli sono deboli, non riescono a mantenere la tensione. Se la tensione viene meno, l'uretra si apre e può verificarsi la fuoriuscita di un po’ di urina.

La vescica iperattiva (OAB) e l’incontinenza urinaria da urgenza (o incontinenza da urgenza allo stimolo) possono colpire numerosi soggetti per diverse cause. Si tratta di una contrazione involontaria (irrigidimento) della vescica che determina uno svuotamento parziale o completo. La vescica non deve essere necessariamente colma affinché ciò possa accadere. I soggetti colpiti possono avvertire l'esigenza di recarsi in bagno frequentemente, sia durante il giorno che durante le ore notturne, solo per espellere poche gocce di urina.

I soggetti affetti da OAB possono essere “bagnati” (il che significa che hanno bisogno di recarsi frequentemente in bagno ed hanno qualche perdita) oppure “asciutti” (il che significa che non hanno alcuna perdita, ma solo l'esigenza di recarsi spesso in bagno).

L'incontinenza mista si verifica quando si avvertono i sintomi tipici di più tipi di incontinenza, solitamente da sforzo e da urgenza. Spesso, un insieme di sintomi può risultare più fastidioso di un altro. Per un trattamento completo, è importante descrivere al medico tutti i sintomi nei dettagli.

L'incontinenza da rigurgito si verifica quando la vescica si riempie oltre la sua capacità. Di solito, nei soggetti che ne sono affetti si manifesta un costante o frequente gocciolamento di piccole quantità di urina. Inoltre, questi soggetti non sono mai soddisfatti dello svuotamento della vescica. Talvolta, i sintomi sono simili all'incontinenza da sforzo o da urgenza. Ciò può verificarsi a causa di danni ai sistemi di comunicazione (i nervi) tra cervello e vescica oppure a causa di un'ostruzione (ad esempio nell'uretra) che determina un eccessivo riempimento che genera a sua volta un rigurgito ed una perdita di urina.

L'incontinenza funzionale si verifica quando non si riesce a trattenere l’urina per via di un problema non legato alla funzione vescicale. Ad esempio, nel caso di soggetti che non riescono a recarsi in bagno perché affetti da una malattia cronica o da disturbi motori. I soggetti affetti da incontinenza funzionale hanno spesso anche altri problemi di controllo vescicale che necessitano di trattamento.

Si parla di incontinenza riflessa quando si perde il controllo dei meccanismi della funzione vescicale. Ciò può derivare da una lesione (ad esempio della colonna vertebrale) oppure essere la conseguenza di un intervento chirurgico. Può anche manifestarsi senza cause evidenti. È caratterizzata da un costante gocciolamento o da una perdita totale di urina senza che il soggetto ne sia consapevole (si parla talvolta di “incontinenza inconsapevole”).

L'incontinenza doppia si verifica quando un soggetto è affetto da incontinenza sia urinaria che fecale.

Cistite e infezioni del tratto urinario

Possono contrarre infezioni del tratto urinario o cistiti (causate da un'infezione batterica) sia uomini che donne. I sintomi della cistite si manifestano con un’esigenza frequente di recarsi in bagno, dolore, bruciore ed un cattivo odore molto marcato. Viene trattata con antibiotici e di solito migliora nel giro di alcune settimane. In alcuni casi può tuttavia essere di durata superiore, in presenza di batteri resistenti.

La cistite interstiziale viene talvolta indicata con i termini “cistite non batterica” e “sindrome della vescica dolorosa”. È una disfunzione cronica (dura per anni) e le cause sono a tutt’oggi sconosciute. Dai test delle urine non risultano infezioni batteriche. I medici sono soliti definirla “idiopatica” (ovvero senza cause specifiche).

La parete vescicale diviene irritata e infiammata. Si registra inoltre un'esigenza frequente di urinare. Può risultare estremamente dolorosa nell’area che circonda la vescica e l’addome, nell’area pelvica e nel perineo (l’area compresa tra ano e vagina). Gli uomini possono avvertire dolore nel pene e nello scroto. L'infiammazione della vescica può dar luogo alla formazione di tessuto cicatriziale, ad una ridotta capacità vescicale ed a lievi emorragie.

Ritenzione

La ritenzione urinaria può essere acuta (improvvisa) o cronica (continua o ricorrente). Come il nome suggerisce, l'urina viene trattenuta nella vescica. La ritenzione acuta è caratterizzata da un’estrema difficoltà ad urinare. L’accumulo di urina nella vescica dà origine ad un dolore intenso.

In caso di ritenzione cronica (solitamente indolore) può essere espulsa una piccola quantità di urina ma la vescica non si svuota completamente.

La ritenzione può verificarsi a causa di un'ostruzione (come un calcolo nella vescica), danni nervosi o, negli uomini, a causa dell’ingrossamento della ghiandola prostatica.

 

Link interni

 

Link esterni

Uscendo da questo sito, si applicano nuovi termini, condizioni
e disposizioni a tutela della privacy.

gfx-mature-shopper

L’OAB può far avvertire la necessità di recarsi in bagno frequentemente, sia durante il giorno che durante le ore notturne

Il sito è reso disponibile da Medtronic Italia S.p.A a scopi puramente informativi e non può sostituirsi in alcun modo al parere di un medico. In caso di dubbi sul proprio stato di salute o se si desidera un consulto medico, si prega di contattare il proprio medico curante o un altro professionista sanitario. Medtronic declina ogni responsabilità per il contenuto di siti esterni (per saperne di più, cfr. le nostre Condizioni di utilizzo)